capodannofoggia.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Foggia e provincia

Info e Prenotazioni:

Scrivici info@capodannofoggia.com

La storia di Foggia

La storia della città di Foggia rivive ancora nei bellissimi monumenti

Storia e monumenti FoggiaFoggia è una delle città più belle della regione Puglia, nel sud-Italia. Si trova esattamente al centro del Tavoliere pugliese, una delle aree verdi del tacco dello stivale italiano.

 

La storia di Foggia ci dice che la città sia stata fondata dagli abitanti di Arpi (chiamata anche Argyrippa), una città greca e romana che ha visto una certa perdita di potere dopo la seconda guerra punica (3 ° secolo aC). Le rovine di Arpi, infatti, sono a breve distanza a nord. Il nome della città, Foggia, potrebbe essere dovuto a dei pozzi locali o a delle cantine (foveae in latino, chiamate ancora oggi “fogge”) che vengono utilizzati sia per lo stoccaggio del grano che per la fornitura di acqua potabile per le pecore.

 

Era un il posto preferito del Imperatore Federico II del Sacro Romano Impero, che smantellò le fortificazioni della città dopo che la stessa sostenne il Papa nella guerra di quell’epoca. Si passò a Carlo I d'Angiò, re di Napoli e di Sicilia, che vi morì nel 1285. Dal 1447-1806, Foggia è stata il centro per la riscossione dell'imposta sulle pecore e sui greggi che migravano tra altopiani e pianure. Dopo il restauro in seguito alle guerre napoleoniche, divenne un centro per le società rivoluzionarie dei Carbonari e ha avuto una parte vigorosa nelle rivolte del 1820, del 1848 e del 1860 contro il Regno di Napoli. La cattura degli aerodromi militari di Foggia nel 1943 è stata un'azione importante nel consolidare la posizione degli Alleati nel sud Italia nella seconda guerra mondiale.

 

Parzialmente distrutta da un terremoto nel 1731 e gravemente danneggiata nella seconda guerra mondiale, Foggia è stata ricostruita lungo linee moderne, anche se ancora oggi si possono vedere alcuni monumenti di Foggia come una porta del palazzo di Federico II, l’ epitaffio e la cattedrale della Beata Maria Vergine. Ci sono anche un museo, una pinacoteca e una biblioteca, oltre al palazzo dell'acquedotto e alla villa comunale.

publisher
back to top